Che cosa si intende per sostenibilità/investimento sostenibile?

La sostenibilità è la sfida più importante dei nostri tempi. Le megatendenze modificano il nostro mondo e hanno ripercussioni misurabili sull'andamento del fatturato e dei redditi delle imprese.

Le sfide a lungo termine, come la carenza di risorse, i mutamenti demografici e il cambiamento climatico, ridefiniscono le aspettative sociali, la politica pubblica, il quadro normativo e quindi anche il contesto commerciale e i rendimenti degli investimenti.

Rapporto Brundtland

Nel 1987, Gro Harlem Brundtland, presidente della Commissione mondiale su Ambiente e Sviluppo (World Commission on Environment and Development, WCED,) istituita nel 1983, presenta il rapporto «Our common future» (Il futuro di tutti noi), formulando una linea guida per lo sviluppo sostenibile ancora oggi valida. Il rapporto Brundtland constatava che i punti critici e i problemi globali dell’ambiente sono dovuti essenzialmente alla grande povertà del Sud e ai modelli di produzione e di consumo non sostenibili del Nord. Il rapporto evidenziava quindi la necessità di attuare una strategia in grado di integrare le esigenze dello sviluppo e dell’ambiente. Questa strategia è stata definita in inglese con il termine «sustainable development» attualmente di largo uso, e tradotto successivamente con «sviluppo sostenibile». La definizione data al concetto di «sviluppo sostenibile» è stata allora la seguente:

"Sostenibilità significa soddisfare i bisogni della società odierna senza compromettere le stesse possibilità per le generazioni future".

Il rapporto sottolinea l'interdipendenza di processi economici, sociali ed ecologici e ha gettato le basi per il concetto delle tre dimensioni diffuso al vertice sulla Terra a Rio de Janeiro nel 1992 e il modello dello stock di capitale dello sviluppo sostenibile elaborato dalla Banca Mondiale. La stabilità di una società sotto il profilo della sostenibilità non si raggiunge contrapponendo gli obiettivi ecologici, economici e sociali, ma attribuendo loro un valore equiparabile. Questa interpretazione del concetto di sostenibilità include l'esigenza di far valere tali obiettivi per tutti i paesi del mondo (giustizia globale) e per le generazioni future (l'equità intergenerazionale).

Sostenibilità nelle aziende

Tali sfide creano nuove opportunità e rischi, con cui le imprese devono confrontarsi nel presente per continuare ad avere successo anche in un domani. Le imprese che sfruttano efficacemente queste sfide a proprio vantaggio sapranno probabilmente imporsi sui loro concorrenti anche in futuro.
La sostenibilità è la capacità di un'azienda di affermarsi in un contesto commerciale globale altamente competitivo e in rapida evoluzione. Le imprese che si concentrano su qualità, innovazione e produttività, anticipando e affrontando le opportunità e i rischi economici, ecologici e sociali attuali e futuri, diventano imprese leader che ottengono un vantaggio concorrenziale e creano valore a lungo termine per i propri gruppi d'interesse.

I processi aziendali rappresentano una conseguenza delle attività di creazione di valore con lo scopo di garantire la competitività di un'impresa. I processi aziendali descrivono quali risorse vengono utilizzate in un’impresa, quali vengono trasformate e quali risultati vengono conseguiti dall'impresa in base alle esigenze specifiche dei clienti. I processi aziendali sostenibili si concentrano anche sui tre aspetti della sostenibilità: economia, ecologia e sociale. In questo contesto emergono i seguenti concetti:

Sostenibilità economica
L'obiettivo della sostenibilità economica consiste, da un lato, nel massimizzare il reddito dell'impresa e dall'altro, conservare a lungo termine le risorse necessarie a conseguire tale reddito. L'efficienza economica rappresenta un criterio fondamentale per garantire l'utilizzo ottimale delle risorse e una produzione efficiente.

Sostenibilità ecologica
La sostenibilità ecologica si concentra sulla capacità di tenuta e sullo stato di salute degli ecosistemi. L'obiettivo consiste nel ridurre l'impatto negativo sull'ambiente provocato dai processi aziendali di un'impresa.

Sostenibilità sociale
La sostenibilità sociale si riferisce in larga parte al miglioramento del benessere individuale e sociale, dovuto all'incremento del capitale sociale. La sostenibilità sociale comprende l'impatto del commercio sull'intera società, anche sotto forma di processi aziendali.

In che modo la sostenibilità crea valore aggiunto?

L'integrazione di criteri di sostenibilità nell'analisi finanziaria tradizionale consente di acquisire ulteriori conoscenze in merito alla qualità della gestione e al potenziale di creazione di valore delle imprese. I tradizionali concetti di investimento, che si fondano esclusivamente su analisi finanziarie convenzionali, possono trascurare fattori non finanziari importanti che risultano dalle sfide globali in termini di sostenibilità. Tuttavia, le ripercussioni dei trend di sostenibilità a lungo termine sulle prospettive di successo delle imprese vengono sempre sottovalutate dagli investitori comuni. Ciò causa inefficienze di mercato che gli investitori sostenibili possono sfruttare in modo mirato. RobecoSAM, con il suo team di specialisti in materia di investimenti, che vantano elevate capacità analitiche e comprovate competenze nel campo della sostenibilità, concentra la propria attenzione sulle modalità in cui le aziende si adeguano agli sviluppi globali e alle tendenze a lungo termine. In poche parole: concentrandoci sulla sostenibilità, riusciamo a prendere decisioni in materia di investimenti sulla base di informazioni migliori.

Per strategie di investimento sostenibili, RobecoSAM intende in generale tutti gli investimenti che tengono conto in modo sistematico di aspetti ambientali, sociali e di governance finanziariamente rilevanti (in inglese noti anche con l'acronimo ESG [Ecological, Social & Governance]) nel processo di investimento. I criteri ESG descrivono, per esempio, la capacità di un'impresa di aumentare l'efficienza nell'impiego delle risorse, garantire la salute e la sicurezza sul posto di lavoro o assicurare la gestione dei rischi e delle crisi.

Un'ulteriore tendenza nel campo delle strategie di investimento sostenibili è la cosiddetta strategia tematica. I fondi di investimento con determinati approfondimenti tematici non perseguono un obiettivo geografico o settoriale, ma si focalizzano in un tema specifico. In questo contesto è poco rilevante se un’impresa opera in un determinato paese o in un determinato settore, purché soddisfi criteri specifici. Temi tipici dell'investimento sostenibile sono, per esempio, "acqua", "generi alimentari", "salute", "agricoltura" o "energie rinnovabili".

Tuttavia, in fase di selezione, la solida specializzazione di questi fondi di investimento richiede una
spiccata sensibilità analitica e adeguate conoscenze settoriali. Per gli investitori, il vantaggio di un investimento nei fondi tematici consiste nel fatto che attraverso di essi possono partecipare miratamente ai mercati in crescita.

Ispirata da tali valori e convinzioni, RobecoSAM promuove continuamente i vantaggi dell'investimento sostenibile, al fine di colmare le lacune fra gli esperti di sostenibilità nei consigli di amministrazione e gli specialisti in materia di investimenti, che hanno appena scoperto che l'attenzione alla sostenibilità crea valore.